COMUNE DI ZIANO | STRADA DEI VINI DEI COLLI PIACENTINI

Val Tidone

Adagiata su sette colli, Ziano ha una storia scritta che risale all’alto medioevo e una di reperti e giacimenti che si protrae fino all’età della pietra. Sin dalle origini l’economia della zona è stata basata in prevalenza su un’agricoltura strettamente legata all’allevamento. I prodotti coltivati spaziavano dai foraggi ai cereali. A partire dagli anni cinquanta si passò invece alla viticoltura, prima con la produzione di uve da tavola e in seguito con le uve da mosto. In breve la viticoltura divenne l’attività prevalente della regione.
Il territorio è per i 2/3 coltivato a viti che, oltre a offrire un fantastico colpo d’occhio ai visitatori che giungono sulle nostre colline, producono vini e uve DOC di elevatissima qualità.
A Ziano, comune più visitato d’Italia, attualmente sono circa 250 le aziende che lavorano in questo settore, alla cui espansione è legato un particolare tipo di turismo: il turismo enogastronomico, che unisce alla bellezza e unicità del territorio la degustazione di vini e prodotti tipici. Dal 1998 Ziano è diventata “città del vino” per la collaborazione con l’associazione nazionale così denominata, con la quale sono realizzate iniziative di promozione turistica, quali ad esempio “Calici di stelle” e “cantine aperte”.

mani che recidono grappo d'uva rossa-colline con vitigni, cielo azzurro-veduta di Ziano con cielo arancione al tramonto-veduta di Ziano con la neve e le viigne

Comune di Ziano Piacentino

via Roma, 167 – 29010 Ziano Piacentino (PC)

Tel. 0523 863221

non disponibile

Posizione

Ziano, facilmente raggiungibile percorrendo la statale 412 della Val Tidone fino a Borgonovo, è un paese collinare di circa 2.500 abitanti, distribuiti in sette frazioni, e si estende su una superficie di 32.91 chilometri quadrati. Il capoluogo, attraversato dal 45° parallelo, si trova a 220 metri s.l.m., il punto più alto e panoramico del comune è a 350 metri s.l.m. in direzione Montalbo.

Da non perdere

Ziano:
il Palazzo municipale (XVI sec.)
i resti del castello medievale (X sec.)
la Chiesa di San Paolo Apostolo, edificata come cappella del castello (Mille), rimaneggiata nel corso del XVIII e XIX sec.
Nel suo interno l’antico organo Sangalli (1853) e i dipinti “L’Ascensione” e “La Pietà” del Maestro Ulisse Sartini, noto ritrattista di origini zianesi.

Vicobarone:
la Chiesa parrocchiale di San Colombano (XII sec.); al suo interno il dipinto ottocentesco dell’Immacolata di Camillo Scaramuzza
Il castello IX sec. appartenente al Monastero di San
Colombano, trasformato in residenza signorile nel XVII sec.
l’Oratorio di San Rocco (1625)

Montalbo:
il castello Scotti (XII sec.), dal 1614 residenza signorile
la chiesa di San Cristoforo (1927)

Vicomarino:
le rimanenze del castello distrutto nel 1242. Ricostruito nel XIX sec. e trasformato in residenza signorile
la chiesa medievale dei SS Quirico e Giulitta, rimaneggiata nel XVIII sec.
il fortilizio medievale della Costola, trasformato nel XVII sec. in dimora signorile

Albareto:
la chiesa dei SS Nabore e Felice (fine XVII sec.)

Seminò:
la chiesa di S. Miniato (XV sec.) con facciata barocca
il castello fondato nel 1027.Cortile con loggiato cinquecentesco. Dimora privata.

Fornello:
il fortilizio (XV sec.), trasformato nel XVII sec. in dimora signorile
l’oratorio dedicato a S. Elisabetta (XV sec.)
il castello medievale in Luzzano rimaneggiato nei secoli XVIII e XIX
l’oratorio dei SS Nabore e Felice in stile neoclassico

L’accoglienza è garantita dai numerosi bed&breakfast e aziende agrituristiche diffusi sul territorio, dove è possibile pernottare e assaporare le eccellenze enogastronomiche locali.

Itinerari

“Quattro passi tra vigneti e cantine”, organizzato dalla proloco di Ziano in collaborazione con l’Associazione di produttori locali “Sette colli”, offre la possibilità di scoprire sentieri tra i vigneti attraverso passeggiate che portano nel cuore delle cantine partecipanti all’iniziativa. Si svolge tutte le domeniche di maggio.

Eventi

Quattro passo tra vigneti e cantine – tutte le domeniche di maggio
Valtidone festival – maggio – novembre
Festa dell’uva – ottobre
Valtidone wine fest – 2^ domenica di settembre